free-slots.us.org
Image Image Image Image Image
Scroll to Top

To Top

organizzazione

23

Jul
2012

4 Comments

In projects
report
school

By Stefano Schiavo

Mai più slide! Il corso Sharazad su Lean e Social Enterprise e la formazione come non la si può più non fare…

On 23, Jul 2012 | 4 Comments | In projects, report, school | By Stefano Schiavo

Cosa vuol dire fare formazione? Non di certo proiettare slide. Da abolire, come le mail. Non leggere in classe il compitino preparato a casa, non far sedere gli allievi in file ordinate, non parlare senza chiedere, non fare la lezione…

E’ finito il corso sulla Social Enterprise in Metodo. Tra lo stupore di qualcuno, di web si è parlato poco. Gli strumenti vengono con il tempo. Si è fatta cultura piuttosto. Cultura organizzativa lean, cultura di coaching, cultura di comunicazione. Si è dato il senso di cambiamenti possibili.

- mattia, ospite speciale per la quinta giornata -

Belle le parole con cui Alessandra ci ha parlato della scoperta entusiasta di nuove possibilità, della voglia di provare a esplorare. Emozionanti quelle di Daniele che ci ha detto di aver provato la scorsa settimana dal suo cliente più ostico ad applicare le cose che ci siamo detti in classe sul PDCA!

Formare vuol dire spingere a cambiare, altrimenti la scuola non serve a niente. Se non usciamo con nozioni che cambiano il nostro atteggiamento rispetto alla quotidianità, la nostra prospettiva rispetto allo spettro delle azioni possibili, abbiamo perso ore preziose.

Ma per fare questo passaggio non possiamo raccontare la favola consueta di chi ce l’ha fatta. Dobbiamo mettere al lavoro chi partecipa. Con il gioco, con le simulazioni, con il lavoro vero sulla propria realtà. La teoria è solo un (indispensabile) lievito che si utilizza sobriamente durante le sessioni di pratica.

- gli uffici di contempo.tv -

Stiamo pensando sempre più a una forma nuova di docenza, fatta in ambienti produttivi reali, insieme a chi lavora nei processi, in fabbrica, in ufficio, in una cantina o in un negozio. Una formazione che intervenga nel lavoro delle persone e che allo stesso tempo insegni ad alzare la testa e a guardarsi dal di fuori. Ne parliamo a settembre, ma le premesse ci sono e sono buone.

Tags | , , , , , , , , , , ,

17

Nov
2011

No Comments

In events
sharazadontour

By Stefano Schiavo

Lean Production in Frog Design

On 17, Nov 2011 | No Comments | In events, sharazadontour | By Stefano Schiavo

Cos’è lo spreco? In produzione l’abbiamo imparato. Ce l’hanno detto i giapponesi. Lo chiamano Muda e ci dicono che ce ne sono ben sette tipi: dal movimento alla rilavorazione, dalla sovraproduzione alla sovraqualità (!). Ma in un ambiente creativo cos’è lo spreco?

matteo penzo e alessandro galetto – frog design

Ce lo siamo chiesti ieri a Milano con i ragazzi di Frog Design che ci hanno invitato a condurre un incontro sull’applicazione della lean production all’interno di un contesto come il loro, fatto di programmazione agile e di straordinario design.

Il confronto è stato a mio parere molto utile e forse la cosa più interessante è stato esplorare il confine tra creatività e organizzazione.

Dove sta il limite tra la divergenza di chi deve creare una nuova strada e ha necessità di essere libero da ogni vincolo e l’esigenza d’altro canto di mantenere un equilibrio per così dire “economico”? Inutile dire che non c’è stata una risposta, ma ci siamo accorti che cercare di leggere il modo in cui la creatività si sviluppa con gli occhi di un lean manager può evidenziare grandi spazi di crescita.

lars von trier – the five obstructions

L’esercizio è aperto e anzi qualche spunto è gia nato… vi terremo aggiornati sugli esiti!

Tags | , , , ,

20

Jun
2011

In projects

By Stefano Schiavo

Enterprise 2.0 e Pubblica Amministrazione

On 20, Jun 2011 | In projects | By Stefano Schiavo

Il recente referendum non c’entra, ve l’assicuriamo. Ma poter conversare con chi di acqua se ne intende ci ha fatto partecipare alla scadenza elettorale con maggior consapevolezza.

Tutto questo per dire che Sharazad ha cominciato un bel progetto di Enterprise 2.0 con Acque Vicentine, società che “gestisce il servizio idrico integrato per Vicenza e altri 30 comuni della provincia, servendo 285.000 abitanti”.

Un bel gruppo di persone dinamiche che hanno capito come la capacità di comunicare in maniera nuova, veloce e diretta consente di essere più efficienti nelle proprie attività e di cementare dei rapporti positivi con i colleghi.

Silvia, determinata team leader, e Fabio, autorevole direttore sempre in grado di cogliere prontamente il nocciolo delle questioni, hanno dato un convinto impulso a questo progetto che è finalmente giunto a individuare il partner tecnologico.

Ora il gruppo di lavoro, dopo i primi passaggi di formazione e impostazione delle attività, può partire con le fasi di sviluppo dell’area pilota.

Tags | , ,

18

Apr
2011

In augmented tools
projects
sharazadontour

By Stefano Schiavo

Art Way e Love Difference a Montevarchi

On 18, Apr 2011 | In augmented tools, projects, sharazadontour | By Stefano Schiavo

Montevarchi è una città senza particolari aspetti che la distinguano da tante altre della nostra bella Toscana. Una battaglia storica contro Federico II, un’Abbazia, una reliquia importante e la lignite. Un bel passato e un futuro tutto da inventare. E’ anche per questa condizione di “piattaforma sperimentale” che il progetto della Ginestra Fabbrica della conoscenza risulta importante.

Si tratta del recupero di una filanda vicina al Centro Storico per farne un luogo di creazione e trasformazione sociale e individuale.

La realtà voluta da Love Difference e Art Way of Thinking ha svegliato i cittadini, li ha coinvolti in progetti al limite tra esperimento artistico e coinvolgimento sociale. Una serie di workshop organizzati da Stefania e Federica e un progetto, Methods, che continua l’esperienza iniziata nel 2010 a Biella presso Cittadellarte della Fondazione Pistoletto.

E’ in quest’ambito che Sharazad ha partecipato organizzando il workshop di sabato scorso (a fianco l’immagine creata per l’occasione da Pietro Corraini).

L’idea è stata quella di introdurre a un pubblico molto eterogeneo, ma interessato a ripensare in maniera nuova le proprie prassi professionali, la cultura del Lean Thinking. Fornire alcuni strumenti utili ad affrontare in modo Social problemi e difficoltà presenti nelle proprie organizzazioni.

Action Learning e Visible Planning hanno destato grande interesse e pensiamo che molti dei partecipanti stiano già studiando il modo per applicarli nei propri uffici e nei propri progetti. Un’esperienza gratificante in cui chi ha cercato di insegnare qualcosa ha ricevuto in cambio una grande lezione di umanità nata dalla passione di tante persone appassionate.

Ringraziando Emanuela, Filippo, Giuseppe e tutti gli altri che ci hanno accompagnato in quest’avventura.

Tags | , , , , , , , , , ,