Image Image Image Image Image

Ciao

Scroll to Top

To Top

Area Science Park Archives - Sharazad

Lean vs Design Thinking! Cosa è successo ieri a Trieste?

On 21, Jul 2017 | In Action Learning, Business Model, Design Thinking, Laboratori, Lean Startup, Lean Thinking | By stefanoschiavo

Ieri abbiamo sperimentato un confronto tra discipline che mettono al centro del loro approccio la persona. Inevitabile in questi casi pensare al Lean e al Design Thinking.

Ospitati da Area Science Park, abbiamo coinvolto dei partecipanti entusiasti in un’esplorazione culturale e metodologica di princìpi, rituali e strumenti delle due filosofie human-centered. Abbiamo iniziato evidenziando le peculiarità nella visione del ruolo delle persone nei processi di innovazione, ma quasi subito abbiamo provato a testare quanto raccontato.

Ci siamo dedicati alla tradizionale prova di riprogettazione della pausa caffè, ma con una certa attenzione a non pensare tanto all’area caffè (con lo spazio, gli oggetti, le persone, …), quanto all’idea stessa di pausa in cui rilassarsi, parlare, sfogarsi, divertirsi, ritemprarsi, perder tempo, essere inefficienti o forse creativi…

Per ampliare così tanto la visione abbiamo usato i tool che ci suggerisce IDEO nelle sue pubblicazioni e abbiamo però dato una nostra interpretazione che lega i momenti divergenti della progettazione design-driven con quelli business oriented del Lean Startup.

Il risultato, lo ammettiamo, è andato oltre le aspettative. La complementarietà, in alcuni quasi sequenzialità, dei due approcci è stata sorprendente. Momenti diversi nella comprensione del contesto, nella generazione di idee, nell’esplorazione di problemi e soluzioni, nelle fasi di test e prototipazione hanno evidenziato come le due discipline siano parte di un percorso integrabile in cui il principio creativo della divergenza si sposa con l’iterazione sperimentale nel test di mercato.

Vari i momenti divertenti tra cui quello in cui il metodo Fly on the Wall si è quasi trasformato in una scuola di stalking 🙂

Alla fine la conferma da parte dei partecipanti del valore e dell’applicabilità operativa di quanto appreso e questa è stata la massima soddisfazione in una giornata da ricordare.

Tags | , , , , , ,

Ecco i contenuti della giornata sul Design Thinking ad Area Science Park

Siamo pronti per la nuova lezione sul Design Thinking che terremo a Trieste fra pochi giorni. Area Science Park ci ha chiesto ancora una volta di incontrare le startup e le aziende che operano nei suoi spazi per confrontarci sui modelli di innovazione che mettono la persona al centro.

Prima di tutto una precisazione… Esistono anche modelli che non puntano sulle persone. Lo diciamo perché ai più sembra scontato, ma in realtà, non lo è. Frederic Laloux spiega in qualche bella pagina del non sempre bello Reinventare le organizzazioni che il comportamento dei vostri collaboratori non dipende necessariamente dalla loro indole naturale. Non siamo circondati da un mondo di truffatori e furbastri… Le persone si adeguano al modo in cui l’azienda li vuole vedere. Se pensiamo a persone appassionate del loro lavoro che vogliono compiere con il massimo di professionalità e correttezza, otterremo persone che in massima parte rispetteranno questo assunto. Se invece impostiamo sistemi di controllo molto stringenti in cui tutto parte dal presupposto che il collaboratore voglia essere scorretto, dovremo prepararci a verifiche e controlli costanti in cui saremo contenti di trovare e bacchettare la prevista scorrettezza.

Il Design Thinking e altre discipline come l’Action Learning e gran parte del Lean Thinking hanno come postulato che sia positivo puntare sulle persone. Affronteremo i diversi modi in cui questi approcci hanno visto la partecipazione e la centralità dell’essere umano nel processo di innovazione. Confronteremo visioni, metodologie e strumenti nel corso della giornata, magari anche mettendoli in discussione e confrontando i diversi punti di vista. Proveremo anche ad applicare alcuni strumenti in situazioni reali dei partecipanti.

Ecco qua sotto il sommario…

Sarà bello riproporre quanto prima questo percorso in altri contesti aperti a tutti quelli che saranno interessati. Stay tuned!

Tags | , , , , ,

26

Jul
2013

In events
Futuro
News
report

By stefanoschiavo

Una cultura più artigiana per la Ricerca. La lezione di Trieste.

On 26, Jul 2013 | In events, Futuro, News, report | By stefanoschiavo

Pensavamo di aver visto molto con gli esperti di Digital, ma non eravamo pronti, devo ammetterlo, alla psicologia del ricercatore. Lo stupore nel leggere la dinamica della Fab Session all’Area Science Park di Trieste non è stato poco.

Dell’evento si parla qua, con tanto di video e foto di Riccardo Luna. In questo post invece ci piace fare qualche considerazione su quanto avvenuto nel corso dei due workshop su Lean Startup, apprezzati anche dallo stesso Ash Maurya in un tweet che ci ha fatto molto piacere.

areascience1

Il gioco è ormai quello iconico, gli snowflakes, i fiocchi di neve di carta in cui sono impegnate alcune squadre. I partecipanti devono portare rapidamente sul mercato qualcosa di vendibile e il mercato ha le sue regole tutte da indagare. Diciamo che vince chi sa fare ricerca e sviluppo in maniera più intelligente. Pensavamo di arrivare ad un pubblico, nel pieno di un parco scientifico, particolarmente adatto a questo compito.

Se nel corso degli incontri con gli esperti digitali abbiamo riscontrato una forte tendenza alla divergenza, all’uscita dagli schemi, ma magari un po’ di difficoltà nel chiudere, nel portare la creatività nella pratica, qui ci aspettavamo magari un po’ di mancanza di pensiero laterale, ma una grande capacità di indagare le priorità e il gusto del mercato.

Niente di più lontano da quanto avvenuto.

areascience4

Anzi, il rifiuto del confronto con i clienti, la tendenza a una ricerca slegata dai desideri del mercato, si è fatta luce da subito e si è spinta fino a dichiarazioni di alterità esplicite. Estremizziamo un po’ perché alcuni spunti più market-driven non sono mancati (specie nel secondo gruppo), ma non esitiamo a dire che l’innamoramento per la propria ricerca senza volontà di riscontri nel mercato ha caratterizzato l’intero workshop.

Un punto in particolare ci ha colpiti… nella consegna del materiale iniziale per far delle prove pratiche di realizzazione del fiocco di neve, la tendenza è stata quella di accantonare il foglio di carta e la forbice e di dedicarsi ad una discussione astratta su quanto fare… Tant’è che solo tardissimo si sono visti fiocchi di neve al tavolo del mercato. Anzi mai avevamo atteso tanto (quasi la fine dell’intero tempo disponibile) per vedere manufatti venduti.

Ok è solo un’esperienza che forse sarebbe ingiusto generalizzare, ma la tentazione di richiamare un vecchio articolo del New York Times è forte. In un confronto tra economia statunitense e canadese, vi si diceva che la delocalizzazione delle attività produttive per mantenere la creatività e la ricerca nei ricchi Paesi occidentali non funziona. E non funziona proprio perché la ricerca, quando sia finalizzata alla vendita sul mercato, non può prescindere dalla cultura materiale, dalla dimensione produttiva manifatturiera, dallo spirito artigiano che rugge dentro le nostre fabbriche…

L’Area Science Park sta sviluppando bellissime startup concrete e di successo. Riccardo Luna ce ne ha raccontate un po’ martedì scorso. Le abbiamo apprezzate. A Trieste, nei campus del parco scientifico, ci sono tutti gli elementi, la filosofia e l’entusiasmo per trainare questa rivoluzione manifatturiera. Tutto il mondo della ricerca, compresi gli uffici di ricerca e sviluppo delle piccole imprese che costellano il territorio italiano, dovrebbe avvicinarsi a una cultura che possa coniugare futuro artigiano e lean startup.

Nessuna innovazione senza produzione, senza contatto con i materiali e le lavorazioni. Attraverso il recupero di questa dimensione si può veramente svolgere un’attività di ricerca che sia anche ponte per un’economia ancora di successo.

areascience3

areascience2

Tags | , , , , , , ,