Image Image Image Image Image

Ciao

Scroll to Top

To Top

the fab Archives - Sharazad

13

Jun
2014

In Futuro
News
Non categorizzato
the fab

By stefanoschiavo

Un modello architettonico per la Social Innovation

On 13, Jun 2014 | In Futuro, News, Non categorizzato, the fab | By stefanoschiavo

Settimane calde e dense di appuntamenti. La Biennale di Architettura e il Muster di FiordiRisorse, l’inaugurazione della mostra M9 e Architettando… Adesso ci attendono un bell’evento a H-Farm con ArtVerona e un fine settimana ancora profondamente veneziano, mentre un’intera delegazione lussemburghese viene in visita a Milano per conoscere i nostri progetti.

C’è qualcosa che unisce i puntini, come direbbe Roberto, e che fa emergere un quadro di sintesi di un’esplorazione che ci vede impegnati da qualche tempo.

biennale

Abbiamo in questi anni accompagnato molte aziende in un percorso di sviluppo centrato sulla rete con altre realtà, sull’adozione di una cultura social, aperta, curiosa che apre le porte a collaborazioni con l’arte, il design, il digitale e la creatività per cercare nuovi modi di entrare in ascolto e scambio con i clienti.

Ma questa cultura si declina su molte altre aree.

1. Abbiamo sperimentato nuovi modi di lavorare, spazi fisici e ambienti virtuali, strumenti di collaborazione e metodi di lavoro. A The Fab, il nostro coworking artigiano digitale di Verona, ma anche nelle collaborazioni con H-Farm, nel felice incontro con TAG e in molte altre occasioni abbiamo capito che sempre si tratta di un atteggiamento aperto alla condivisione, generoso e coraggioso, in cui lo scambio tra le persone precede la costruzione del processo.

2. Stiamo esplorando un nuovo concetto di retail, di marketing, di ricerca e sviluppo in una co-creazione di contenuti ed esperienze virtuosa e scalabile. Per attivare una vera social innovation serve un approccio mentale che cerca di uscire in maniera intelligente dall’area di comfort, rinunciando a inutili difese di un know-how su cui non si fonda più il vero vantaggio competitivo.

superquark

3. Le startup, fra cui la nostra tipografia Lino’s Type, sono la prima manifestazione di questo atteggiamento orientato alla sperimentazione snella, ma anche i progetti di innovazione che ogni giorno incontriamo sono l’esito prima di tutto di un pensiero nuovo sul modello economico.

4. La formazione e la didattica sono fondamentali per comunicare questo modo di leggere le relazioni di business.

visual

Perché proprio dalle relazioni parte oggi ogni progetto che voglia incidere nei rapporti economici. Che siano gli architetti incontrati in Biennale o ad Architettando, che siano gli innovatori di H-Farm e FiordiRisorse, che siano i coworker di Talent Garden e The Fab, le relazioni tra le persone sono il punto di partenza e d’arrivo dell’attività progettuale.

Tags | , , , , , , ,

07

Jan
2014

In Futuro
News
report
the fab

By stefanoschiavo

Tre spazi di futuro artigiano in Giappone

On 07, Jan 2014 | In Futuro, News, report, the fab | By stefanoschiavo

Il Giappone, come l’Italia, possiede una cultura manifatturiera fondata su radici antiche, ma in grado di sviluppare una dimensione contemporanea integrando innovazione e tradizione. Ecco perché abbiamo approfittato delle quasi tre settimane nel Paese del Sol Levante per andare a cercare alcune delle esperienze più interessanti per Sharazad e The Fab.

kakimori5

Il Giappone può esser letto sotto diverse prospettive. Una culturale che chiaramente ci mostra notevoli differenze rispetto alla nostra sensibilità occidentale. Una ritualità esasperata insieme ad un’ansia di rinnovamento continuo che sfocia in un inseguimento senza fine di novità tecnologiche e architettoniche. Non ci soffermiamo ovviamente qui su questioni complesse che hanno prodotto nell’ultimo secolo luci e ombre della storia nipponica e che recentemente sembrano far rivivere qualche incubo che sembrava passato. Ma non possiamo dimenticare, nel leggere le peculiarità dei casi che citiamo, questa nota per noi sorprendente di continua palingenesi che trova radici nella storia più antica di un Paese che ha avuto una continuità politica e sociale di lunghissima durata e che ha trovato in fattori endogeni lo stimolo all’innovazione. Terremoti, tsunami, guerre e incendi hanno costellato una terra comunque orientata a cambiare sempre senza forse farlo realmente. Per chi è cresciuto tra i cartoni animati degli anni ottanta e la Lean Production dei novanta, tante conferme e qualche sorpresa.

tokyo11

Ci piace quindi citare in questo post alcune delle situazioni più illuminanti legate all’artigianato ed all’innovazione, alla cultura del fare, all’arte ed al design, con un occhio di riguardo allo spazio fisico di interazione tra pubblico ed espositore. Restiamo a Tokyo anche se la nostra visita si è spinta nelle regioni più a ovest.

Per gli amanti dell’arte e dell’architettura che si recano in Giappone è quasi impossibile resistere alla tentazione di una visita all’isola di Naoshima tra i Monet e Turrell esposti all’interno delle architetture di Tadao Ando. Inseguire poi a Tokyo le opere di Le Corbusier e Kenzo Tange diventa quasi una caccia al tesoro all’interno di tessuti urbani che oscillano tra Manhattan e Honk Hong. Le innumerevoli gallerie e collezioni artistiche, i musei e i teatri consentono di immergersi in un affascinante connubio di riscoperta dell’antico e di esplorazione del futuro. Mettendo da parte quindi i capolavori del MOT e del cinquantatreesimo piano del Mori Museum, il teatro e la storia di Edo, ci soffermiamo su tre spazi che, sommandosi alle esperienze statunitensi ed europee di cui abbiamo parlato negli ultimi mesi, ci faranno da guida nei nuovi progetti che si presentano eccitanti per il 2014.

1. Kakimori Stationery
Li avevamo visti in On the paper trail, il bel video che Monocle ha loro dedicato a settembre. Dentro c’era tutto quello che ci piace fare con Lino’s Type, Benfatto e i progetti che si ispirano alle idee di Futuro Artigiano. Visto che è sempre fare e mostrare che raccontare, siamo andati a vedere la cartoleria (ma il termine italiano non rende) a Tokyo. Ci hanno accolto spiegandoci subito un po’ di cose sul negozio. La possibilità di farsi un notebook scegliendo copertina, carta, rilegatura e così via ricordava molto analoghe proposte come 3×1 a Manhattan e i negozi Converse.
Dopo un bel po’ di indecisione, vista la bellezza di tutte le varianti di tessuto, pelle, stampa, carta e rilegature, abbiamo scelto e ottenuto in dieci minuti il notebook finito e confezionato. Bello è stato vederlo nascere davanti ai nostri occhi e a quelli di tutti i passanti nella strada di fronte alla vetrina dove il piccolo laboratorio si affaccia. Intanto l’esplorazione di penne, inchiostri, astucci, carte e quanto di meglio lo scrivere possa richiedere ci ha permesso di scoprire artigiani e produttori accuratamente scelti da Kakimori e che spesso partecipano ad eventi organizzati dallo stationery shop.

kakimori2 kakimori1 kakimori3 kakimori6 kakimori7 kakimori8 kakimori9 kakimori10 kakimori11

2. 2k540 Aki-Oka Artisan
Un progetto di ristrutturazione di uno spazio un po’ insolito, ma così frequente a Tokyo. E’ ben raccontato qua. Si tratta dell’area sotto i binari del treno metropolitano, il famoso JR che consente di arrivare quasi ovunque alla velocità di 400-600 km/h, ma in città va più lento… :). La soluzione architettonica è piaciuta e ha vinto premi e riconoscimenti. I contenuti ospitati dall’area sono costituiti da una serie di negozi di artigiani giapponesi. Made in China rigorosamente abolito. Un’atmosfera piacevole accoglie i visitatori che possono entrare in decine di negozi che presentano belle produzioni locali. Prodotti di 3D printing e di cartoleria raffinata. Workshop ed eventi. Ci ha affascinato il contrasto con i department store di Electric City che a pochi isolati splendeva tra neon e suoni e che tra pachinko e negozi di elettronica inseguiva una prospettiva ben diversa e forse, ma è solo una nostra idea, un po’ più triste.

2k5402 2k5401

3. Design Festa Gallery
Un terzo spazio tra i tanti visitati va ancora in una tendenza controcorrente, ma probabilmente più interessante rispetto al fulgente luccichio di luoghi patinati che pur costellano la proposta artistica e di design della capitale. Si tratta di una galleria artistica in uno dei quartieri più orientati al design di Tokyo. Lo spazio sembra accogliere fisicamente il modello Etsy e nella nostra visita si rivelava come un mercatino di artisti, artigiani e designer che portavano all’interno delle sale di Design Festa tutte le loro opere centrate sui… gattini. Come dicono alcuni, il novantacinque percento del web e di Facebook in uno spazio fisico insomma… 🙂
La ristrutturazione della galleria va in una direzione volutamente partecipativa. Le stesse modalità di candidatura degli artisti sono costruite in modo da rendere il più possibile aperto lo spazio. Murales, caffè, vendita sono tutti all’insegna di un’accoglienza molto diversa da quanto ci si aspetta di questo tipo di spazi.

festadesign1 festadesign2 festadesign3 festadesign4 festadesign5

festadesign2 festadesign1 festadesign3 festadesign4 festadesign5

Tre luoghi diversi, ma che raccolgono una stessa tendenza alla partecipazione orientata al fare manifatturiero. E’ ciò che perseguiamo con The Fab e con i nuovi progetti in via di definizione che avranno una dimensione internazionale, ma che non tradiranno i princìpi che vediamo confermati quando giriamo in altri Paesi.

tokyo15 tokyo4 tokyo5 tokyo6 tokyo7 tokyo8 tokyo10 tokyo12 tokyo13 tokyo14 tokyo1 tokyo2 tokyo3 tokyo15

Tags | , , , ,

26

Nov
2013

In benfatto
cool
events
News
Persone Uniche
the fab

By stefanoschiavo

Meet the Makers #5 alle porte con i protagonisti di Uncomag e Salmon Magazine

On 26, Nov 2013 | In benfatto, cool, events, News, Persone Uniche, the fab | By stefanoschiavo

A colpi di fantastiche interviste, tutto è ormai pronto per sabato. A The Fab ci sarà l’incontro con i protagonisti raccontati da Salmon Magazine e da Uncomag, la rivista online inventata da Alessio e dedicata alle persone che si sono inventate un lavoro in periodo di crisi e sono riuscite ad affermarsiE’ la quinta edizione di Meet the MakersIl programma è ricchissimo e parte alla mattina alle 10.30 per svilupparsi lungo tutta la giornata fino all’aperitivo serale.

Uncomag

I partecipanti che racconteranno le loro storie sono tanti… il Tattoo guru Giuseppe Strambini di Ink Addiction Shop, Olga Trevisan di ELTiburon, Niccolò Vallenari e Mikea Caldeira de Aguiar di Artillery Lane, l’Etichetta discografica di Camilla Salerno e Martino Corti,  Filippo Olioso di Rabatto con il nuovo progetto Handmade Furniture Design di Benfatto.org. E poi Enrico Grigoletti di Contemporary Standard, i favolosi telaisti di biciclette artigianali Dario Pegoretti, Mattia Paganotti e Gianmaria Citron (Cicli Pegoretti, Legor, Ferriveloci) e infine Stefano Riba di The Others. A pranzo c’è Week&Diet, il Tea break è con Bioloc e l’aperitivo serale con Mastro Matto.

L’obiettivo dichiarato dei nostri amici Matteo e Tommaso, tra gli organizzatori dell’iniziativa, è fornire casi concreti che facciano capire come affrontare il problema occupazionale oggiPer partecipare basta registrati qui: http://www.salmonmagazine.com/meet-the-makers-5/

Tags | , , ,

18

Oct
2013

In benfatto
cool
Futuro
News
Non categorizzato
report
the fab

By stefanoschiavo

Sul Corriere la nostra guida per Venezie Post. I dieci esercizi per attivare nuove imprese.

On 18, Oct 2013 | In benfatto, cool, Futuro, News, Non categorizzato, report, the fab | By stefanoschiavo

L’occasione è stata davvero straordinaria. Una Guida turistica per Nuovi Artigiani. L’uscita del nuovo numero di VeneziePost, ci ha dato la possibilità di tracciare, a nostro modo, una specie di guida turistica dei territori del nuovo artigianato. E oggi ne parla anche il Corriere della Sera, con un’intervista a Nicola che delinea gli aspetti chiave di questa ricerca, tra gli spazi di The Fab e le proposte di Benfatto.

Nati per Fare

Il titolo dello speciale della rivista, Mappe, dal tema Nati per Fare, si lega straordinariamente a questa nostra esplorazione. Vi si parla di Hi-tech, prodotti unici e web: a Nordest l’«artigiano 2.0». Una mappa delle relazioni e delle emozioni che intercorrono nel mondo del fare. Insieme a noi Stefano Micelli, Eleonora Vallin, Marco Bettiol, Antonio Calabrò, Francesco Jori, Alessia Cerantola, Roberta Voltan, Daniele Capra e tanti altri amici che tracciano un percorso ideale nel nuovo Nordest, cresciuto all’ombra dei capannoni e delle mostre d’arte, del design e della globalizzazione.

L’articolo che si può leggere su Venezie Post, presenta Dieci semplici esercizi per attivare nuove imprese. Un viaggio insolito attraverso le best practice del territorio, mai sotto i riflettori. Sono dinamiche non ancora così visibili, ma già capaci di trascinare una generazione di persone appassionate. E ci piace farne parte per raccontarle, ma anche per viverle.

L'articolo sul Corriere della Sera

 

 

 

Tags | , , , , , , , , ,

19

Sep
2013

In events
Futuro
News
the fab

By stefanoschiavo

Il design tra il rimpianto dei distretti e la nuova distribuzione

On 19, Sep 2013 | In events, Futuro, News, the fab | By stefanoschiavo

C’è un’area del saper fare italiano che per ragioni personali e professionali ci sta molto a cuore. Parliamo del design e di tutti gli annessi e connessi. Abbiamo lavorato e ancora collaboriamo con una realtà come Lago, ci troviamo ogni giorno a fianco di designer nuovi o affermati, di imprenditori, di falegnami e tecnici, di esperti di interior e manager e cogliamo costantemente il patrimonio di conoscenze, di esperienza e di entusiasmo che questo settore ancora esprime in Italia.

Eppure qualcosa negli ultimi anni si è rotto… Da traino di un’economia orientata all’export e capace di cogliere opportunità in ogni parte del pianeta è come se si fosse perso un legame. Chiusi a guardarsi l’ombelico tra proteste fiscali e mancata inclusione dei giovani, in difficoltà nella comprensione di quel che avveniva nel mondo, ora l’arredo-design sembra non trovare strade nuove per ripartire, se non assistendo attonito alla calata di Ikea…

IMG_9141

Dal nostro punto di vista, che sposa come sempre un’attenzione alla produzione di qualità ad un’inguaribile curiosità per i nuovi modi di esprimersi nel mercato, dal questo nostro punto di osservazione ci sembra che quel legame perso sia figlio di una cesura generazionale e culturale tra chi ha inventato e fondato il Made in Italy dei distretti e chi oggi si trova a emigrare per dar sfogo a quella voglia di cambiare le cose che qui non sembra trovar ascolto.

Un aspetto di questa complessa situazione che più di altri ci piace esplorare è quello della distribuzione:

– del nuovo modo di fare retail (ci è piaciuto recentemente questo bel video di Monocle anche se i prodotti presentati necessiterebbero di qualche intervento… ma in ogni caso di grande valore per la nostra startup tipografica Lino’s Type)

– del nuovo modo di vendere che passa anche attraverso un uso più evoluto del web, non più vetrina, ma luogo di eccellenza per l’attivazione di relazioni continuative

– di nuovi e fondamentali spazi reali in cui cementare i contatti virtuali, in cui toccare gli oggetti, parlare alle persone, esprimere la convivialità

Recentemente abbiamo visto nascere l’esperienza berlinese di Fab.com, quella californiana di Zanoby con il nostro amico Roberto e poi MakeTank, recentemente ospiti a The Fab, Buru BuruFormabilio e tanti altri. Confrontandoci con alcuni di loro abbiamo capito che il gap di cui parlavamo prima è ancora più profondo di quello che immaginavamo. La comprensione delle esigenze di questo tipo di distribuzione non è alla portata delle nostre aziende manifatturiere, bollite come la famosa rana nella pentola del fare quotidiano, incapaci di affrontare adeguamenti creativi, organizzativi e culturali.

IMG_9334

Pensiamo che sarebbe bello portare un po’ di questi esempi all’interno degli spazi di confronto degli operatori del settore, creando un momento di crescita e tracciando la strada per un adeguamento delle nostre aziende ai nuovi standard richiesti dal mercato. Non è questione di consulenze o agenzie di commercio, di management o nuova imprenditorialità. Pensiamo basti cominciare mettendo in contatto chi sa fare, chi ha idee e chi può diffonderle.

A volte è solo una questione di prospettiva con cui si guardano le cose. L’obiettivo è anche capire di cosa ha bisogno chi può portarti a vendere in nuovi modi e in culture lontane. L’occasione è forse più vicina del previsto, ma ve ne parleremo a tempo debito… Intanto continuiamo ad affrontare questo tema che sempre più ci interessa approfondire.

Tags | , , , , , , , ,

13

Sep
2013

In events
Futuro
News
report
the fab

By stefanoschiavo

MakeTank, il marketplace cucito su misura per i nuovi makers si presenta a Verona

On 13, Sep 2013 | In events, Futuro, News, report, the fab | By stefanoschiavo

Un tavolo pensato per degustare dei buoni vini; lampade di cartone; gioielli creati da una stampante 3D; un portachiavi per chi, al posto delle chiavi di casa, usa un chip RFID. L’autore di quest’ultimo, peraltro, si fa ritrarre in posizione yogica: spiritualità ed inventiva, potremmo dire.

Sono, questi, alcuni esempi di creazioni dei nuovi artigiani, che chiameremo “makers” con gratitudine verso l’essenzialità dell’inglese. Tutti questi oggetti – e molti altri – sono acquistabili su MakeTank, un marketplace online cucito su misura per i nuovi makers.

I fondatori, sono stati ospiti di quella fucina creativa che è, in tutti i sensi, The Fab, e ci hanno raccontato con dovizia di particolari il loro modello di business.

Tutto nasce da un’idea: favorire la diffusione del lavoro degli artigiani digitali mettendoli in condizione di vendere e produrre senza dover affrontare investimenti potenzialmente insormontabili. MakeTank di fatto non vende niente, ma mette in contatto artigiani e clienti finali offrendo ad entrambi la piattaforma per concludere l’affare.

IMG_9437

E dunque, qual è la ricetta per il successo? I ragazzi ce l’hanno spiegata così:
– si scelgono attentamente i makers per offrire una vetrina di prodotti di qualità
– si creano un marchio e un logo che, col tempo, trasmettano fiducia
– si attirano, in questo modo, clienti potenziali che cercano qualcosa di speciale, unico – o, comunque, raro – per il quale sono disposti a spendere un po’ di più
– si offre, ai venditori, un servizio gratuito di consulenza e assistenza, condividendo esperienza e competenza sul prezzo, sulle spedizioni, sul rapporto da instaurare con il cliente finale
– infine, si garantisce a quest’ultimo una vetrina online semplice da utilizzare, bella da vedere, ricca di informazioni, umana e personale.

Tutto questo è MakeTank. La presentazione di Laura, come è immaginabile, ha suscitato una sessione di domande e risposte appassionata ed appassionante, grazie al pubblico coinvolto a più livelli. C’era chi, con un occhio al marketing, si informava sul profilo del vendor e sul perché, tra tanti siti che offrono servizi analoghi, qualcuno dovesse proprio rivolgersi a loro; c’era chi, invece, sondava le opportunità per la propria impresa, o negozio; c’era infine chi si interrogava su questa certamente inconsueta strategia di approccio al mercato che spesso sembra così aliena alle metodologie tipiche del mercato di massa.

Del resto, MakeTank opera, per istinto, passione e assieme razionale consapevolezza, in un ambito di nicchia tecnicamente inteso, che veste magnificamente la filosofia produttiva di chi predilige l’artigianato e la personalizzazione alla produzione industriale massificata. Infatti, molte sono le parole chiave risuonate nel corso dell’ora di dibattito che dovrebbero far rizzare le antenne a chi si intende di niche markets: qualità del prodotto, qualità del servizio, individualità, personalizzazione, manualità, unicità, prezzo superiore a quello del prodotto “generico”, contatto personale tra venditore e cliente, fiducia, innovazione costante, cliente finale selezionato e individuato.

Infine, una pizza a tarda sera ha stimolato ulteriori conversazioni su futuro, opportunità e sfide. Effettivamente, è innegabile che MakeTank viva un momento di grande fermento e di conseguenti decisioni da prendere per il futuro; nel contempo, cominciano a delinearsi le opportunità di un business che sta prendendo forma.

Potremmo anzi dire che opportunità e sfide viaggiano assieme: per esempio, l’opportunità di valorizzare sempre più la qualità dei prodotti – e dei produttori! – si accompagna alla sfida di evolvere e chiarire i parametri di selezione dei vendor stessi, a tutto beneficio del cliente finale. Il carattere artigianale del prodotto mostrato su MakeTank, poi, sta già evidenziando l’opportunità di farlo toccare con mano a chiunque sia interessato; contemporaneamente, la sfida è di individuare modalità sempre più creative per avvicinare il prodotto al cliente senza snaturare il modello di business, anzi, rafforzandolo.

Speriamo, dunque, sia valsa la pena di ritardare il lungo viaggio verso Firenze di qualche ora! Da parte mia, va a loro solo un grazie per aver alimentato una chiacchierata così entusiasmante.
Nel frattempo, i ragazzi di MakeTank si stanno dando da fare: potrete trovarli là dove sentirete parlare di “makers”.

Tags | , , , , , , ,

26

Jun
2013

In News
the fab

By stefanoschiavo

Siamo designer o artigiani? Ovvero l’unico modo per comprendere questa rivoluzione è farne parte

On 26, Jun 2013 | In News, the fab | By stefanoschiavo

Per noi che ci siamo inebriati delle idee di Roberto Verganti, che abbiamo vissuto una stagione di emozionanti scoperte circondati da designer provenienti da tutto il mondo, che abbiamo frequentato straordinari creativi con uno sguardo visionario sulla società e sulle cose, per noi ciò che oggi sta avvenendo apre questioni importanti e difficili.

Mi riferisco a quanto accade nel mondo della produzione e dell’economia manifatturiera, a Futuro Artigiano e a quanto gira attorno ai concetti che da un po’ esploriamo in prima persona. I problemi si riferiscono al rapporto con i designer, alla funzione di questi in questo nuovo paradigma, alla sintesi tra le nuove professionalità emergenti. La citata design-driven innovation ha rappresentato una visione affascinante che ha dato un senso nuovo alla creatività italiana superando quel complesso nei confronti dello sviluppo formalmente manageriale dell’universo aziendale.

Essa poneva l’accento su un designer in grado di sviluppare un’innovazione radicale di senso e significato partendo da una forte sensibilità nei confronti di quanto emerge nella società, anticipando e mediando tra un proprio approccio personale e i segnali meno espliciti del mercato. 

La centralità del designer, la sua cultura aperta, la sua empatia con lo scorrere delle cose si sviluppavano in una ricerca virtuosa fatta di creatività, perizia e intuizione. Una figura titanica e romantica che forse oggi scricchiola.

Scricchiola perché sta emergendo una nuova figura chiamata in tanti modi diversi, maker, crafter o più sobriamente artigiano. Essa ha un carattere meno eroico, si fonda su una profonda conoscenza materiale, su ore di duro lavoro necessario ad accumulare un saper fare che non può essere studiato a tavolino o imparato sui libri.

La centralità della cultura materiale dell’artigiano sembra un arretramento rispetto alla capacità di lettura dei bisogni latenti della società che caratterizzava il designer. Sembra quasi che l’aspetto tecnico, l’innamoramento per il proprio prodotto, al di là e quasi contro il resto del mondo, prevalga.

Ma così non è. E questa è la grande novità.

L’artigiano di oggi non è chiuso nella sua bottega a provare e riprovare gli stessi schemi, dimentico degli altri e restio ad ogni contaminazione. Al contrario il protagonista di questa sorta di craft-driven innovation apre il suo laboratorio alle persone curiose di sperimentare e recuperare un rapporto con la produzione (spesso autoproduzione), confonde la propria competenza con nuovi stimoli tecnologici più o meno digitali (la stampa 3D, Arduino e tutto l’armamentario dei Fab Lab), viaggia, si arricchisce di esperienze, è aperto alla collaborazione, alla rete, alla trasparenza e a tutto il meglio della cultura “social” dell’ultimo decennio e infine fa il designer e anche qualcosa di più. Si sporca le mani e, parafrasando, sta sopra il suo tempo senza starne fuori.

La figura che ne esce è quanto di più lontano dal vecchio e stantio paradigma dell’artigiano in autoesilio, ma anche da quell’improbabile entità salvifica del designer capace di trasformare in oro ogni suggestione che la società gli offra.

Questa strada battuta da Stefano Micelli sul percorso tracciato da Richard Sennett, che trova echi nelle più recenti evoluzioni californiane (abbiamo ancora in mente la bella serata del Galileo Innovactors’ Festival), mostra già esempi eccellenti, un’economia in sviluppo e un oceano di altri casi che un po’ alla volta stiamo scoprendo e catalogando. Li stiamo conoscendo questi artigiani e parlar con loro non è facile. Stiamo noi stessi assimilando la loro cultura, ci scontriamo con gli stessi problemi e in qualche modo stiamo evolvendo. Fino ciò che abbiamo capito è che l’unico modo per comprendere questa rivoluzione è farne parte.

Il nuovo trend del design, che cambia radicalmente il ruolo dei designer, degli stilisti, degli intermediari culturali tra idea e prodotto, sta sviluppandosi nei centri delle nostre città, in spazi industriali aperti nelle zone più vitali del nostro Paese. La città è fondamentale in questo nuovo Rinascimento che torna alle radici della cultura materiale proiettandola in una nuova estetica di incompiuto e relazioni. Un’estetica in altre parole aperta e partecipativa. The Fab a Verona è un primo esempio virtuoso, con la sua tipografia letterpress Lino’s Type, coworking artigiano, spazio d’eccezione che continuamente esplora questa nuova estetica e in questo modo un nuovo concetto di design.

Dal nostro punto di vista le due figure che abbiamo di fronte non si escludono, ma nemmeno si integrano come fossero professioni complementari. Sono piuttosto da integrare in maniera nuova, con designer meno patinati che cercano il rapporto con l’esperienza produttiva (ho visto di recente un workshop di Lagostudio in cui i giovani studenti producevano le loro creazioni in totale assenza di supporti digitali, come a dire che la creatività cresce nella relazione fisica con la materia) e artigiani che integrino nella loro cultura una certa imprescindibile visione del mondo e delle persone.

 

Tags | , , , , , , , ,

06

May
2013

In News
Non categorizzato
projects
the fab

By stefanoschiavo

Business Model Canvas e Lean Startup a The Fab

On 06, May 2013 | In News, Non categorizzato, projects, the fab | By stefanoschiavo

La bella esperienza delle Fab Sessions è stata fondamentale per sviluppare dei modelli leggeri e dinamici di analisi dei business model aziendali. Insieme ad Andrea abbiamo quindi potuto adottare i famosi Canvas utilizzati per descrivere in maniera snella la strategia di business di un’azienda e costruire un percorso che è allo stesso tempo un’esperienza formativa per il team coinvolto e un’importante step per allinearsi e definire dei percorsi strategici coerenti.

Ciò che ci ha soddisfatti nelle ultime esperienze è stata la duttilità dei metodi e la capacità delle risorse coinvolte nell’applicare questi approcci a dimensioni e settori molto diversi (dai servizi assicurativi al fashion, dal design ai servizi turistici, per citare solo i casi più recenti).

Lean Startup, Business Model Canvas, Design Thinking sono filosofie in grado di accompagnare chiunque, startupper, artigiano, azienda consolidata, piccola impresa o multinazionale, nel proprio percorso di sviluppo di un’idea, senza cadere nella burocrazia un po’ irreale di certi business plan così contrari al motto che sempre ci piace: Done is better than Perfect!

Tags | , ,

08

Apr
2013

In Futuro
News
the fab

By stefanoschiavo

Lino’s Type sulla Nuvola… tra Arduino e Gutemberg

On 08, Apr 2013 | In Futuro, News, the fab | By stefanoschiavo

Lino’s Type, “startup di nuova economia artigianale” citando le parole di Alessio nell’articolo sulla Nuvola di corriere.it, è un’avventura sempre più entusiasmante.

Mentre Giovanni è sulla buona strada per le famose “diecimila ore” che servono a creare un artigiano, Laura lo mette alla prova con una creatività continuamente alla ricerca di nuove sfide. Nicola trova modi sempre diversi per relazionarsi con quel che di più interessante succede nel mondo.

Ecco allora, all’interno di The Fab, susseguirsi la presenza di Luca Barcellona in una serata memorabile, lo sviluppo di un progetto in onore di Massimo Banzi, l’inventore di Arduino, da poco tornato, grazie al bel lavoro del’amico Roberto Bonzio, nella sua scuola di Desio e omaggiato di un lavoro di Lino’s Type. Poi l’articolo su corriere.it.

Ma principalmente l’entusiasmo che si vede crescere attorno al progetto ci dà il senso dell’importanza che questo approccio alla generazione di nuova economia può avere.

La squadra già di per sé notevole continua ad aprirsi a nuovi collaboratori, a nuove idee. I clienti stessi non sono un mero destinatario di un design chiuso in se stesso, ma diventano l’interlocutore principale per uno sviluppo condiviso di intuizioni e proposte.

Tutta la scuola del design thinking, dell’organizzazione snella e del social business sono al servizio di un laboratorio artigiano e qualcosa di eccezionale sta davvero avvenendo. Le visite di scuole, istituzioni, appassionati e curiosi ci piacciono e ci danno la giusta dose di entusiasmo per continuare l’avventura e farla diventare un esempio di ciò che è possibile fare in questo momento per pensare in modo nuovo la nostra manifattura.

Tags | , , , , , , , , , , ,

28

Feb
2013

In cool
events
News
the fab

By stefanoschiavo

L’innovazione e la retorica della crisi

On 28, Feb 2013 | In cool, events, News, the fab | By stefanoschiavo

Sono giorni di discorsi mesti e sfiduciati sul futuro del nostro Paese. Chi per protesta, chi per delusione, chi per nostalgia, in tanti sembrano votati a previsioni negative. Il racconto attorno alla nostra economia pare dettato da un impulso all’autocommiserazione e al pessimismo.

Quasi sempre c’è il ricorso a un alibi esterno di quelli che racconta Velasco. Un avversario politico, una moneta che ci stritola, una tassazione insopportabile, una burocrazia estenuante, i vecchi che stigmatizzano i giovani, i giovani che se la prendono con lo spazio non concesso, e poi il populismo devastante e la palude dei vecchi apparati, la giustizia impantanata, gli evasori, i corrotti, il maschilismo e la criminalità.

Noi ci crediamo poco a questa narrazione. Non perché non presenti tratti di verità, ma perché la riteniamo troppo comoda. Per quanto fondata su situazioni oggettivamente difficili, non ci pare sufficiente a giustificare l’arrendevolezza di tanti pronti a espatriare alla prima delusione. Come direbbe Roberto, visto la settimana scorsa a Talent Garden Milano, citando il buon Renzo Piano, “partire per poi tornare” portando con sé tutte le novità del mondo. Che dobbiamo conoscere a fondo. Per fare qualcosa di importante qui.

Con ingiustificabile ritardo citiamo quindi il bel post che Laura ha scritto sull’esperienza di The Fab, sulla Fab Session, su Lino’s Type e i crafters di Futuro Artigiano. Le sue belle parole colgono al meglio il nostro spirito e l’atmosfera che si respira qui a Verona. Non siamo sicuri che la strada sia già segnata, che ci sia davvero un tesoro alla fine di questo percorso, ma non perdiamoci adesso a recriminare prima ancora di averci provato. Attorno a noi vediamo un entusiasmo coinvolgente e il Paese in cui stiamo è il posto migliore in cui provarci, fuori dalla retorica e dalle autoassoluzioni preventive…

Tags | , , , , , , , , , , , ,